Isolamento acustico: normativa vigente

Isolamento acustico: normativa vigenteIn questa pagina riportiamo un po’ di normativa vigente nell’acustica degli edifici. Si tratta di materia abbastanza ostica, ma la riportiamo per completezza di informazione. E per darti i riferimenti normativi che ti possono servire per valutare un’offerta di insonorizzazione della tua casa. La cosa più comoda per te, tuttavia e chiamarci per la nostra visita tecnica gratuita dove ti daremo tutte le informazioni che desideri e ti daremo già immediatamente una valutazione del risultati, con tempi e costi.

Il D.P.C.M. 5 Dicembre 1997

Il D.P.C.M. 5 Dicembre 1997 determina i requisiti acustici passivi degli edifici e dei loro componenti in opera ed i requisiti acustici delle sorgenti sonore interne agli edifici (impianti tecnologici), allo scopo di limitare l’esposizione umana al rumore. L’art. 2 del suddetto decreto stabilisce che gli ambienti abitativi sono classificati secondo la seguente tabella:

Categoria AEdifici adibiti a residenze o assimilabili
Categoria BEdifici adibiti ad uffici o assimilabili
Categoria CEdifici adibiti ad alberghi. pensioni ed attività assimilabili
Categoria DEdifici adibiti ad ospedali, cliniche, case di cura e assimilabili
Categoria EEdifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli
Categoria FEdifici adibiti ad attività ricreative o di culto o assimilabili
Categoria GEdifici adibiti ad attività commerciali o assimilabili

Nel medesimo articolo vengono fornite la seguenti definizioni:

  • componenti degli edifici: ripartizioni orizzontali e verticali;
  • servizi a funzionamento discontinuo: ascensori, scarichi idraulici, bagni, servizi igienici, rubinetteria;
  • servizi a funzionamento continuo: impianti di riscaldamento, aerazione e condizionamento.

Gli indici di valutazione che caratterizzano i requisiti acustici passivi degli edifici sono:

  • Rw: indice del potere fonoisolante apparente di partizioni tra ambienti;
  • D2m,nt,w: indice dell’isolamento acustico standardizzato di facciata;
  • Ln,w: indice del livello di rumore di calpestio di solai normalizzato.

Il rumore prodotto da impianti tecnologici è caratterizzato da:

  • LASmax: livello massimo di pressione sonora ponderata A con costante di tempo slow per i servizi a funzionamento discontinuo;
  • LAeq: livello continuo equivalente di pressione sonora ponderata A per i servizi a funzionamento continuo.

I requisiti acustici passivi degli edifici, dei loro componenti e degli impianti tecnologici, sono riportati nella seguente tabella (allegata al decreto menzionato), nella quale i valori per gli immobili in questione, appartenenti alla categoria A (Edifici adibiti a residenze o assimilabili) sono evidenziati in grassetto.

Categorie di edifici

Parametri

Rw(*)D 2m,nt,wLn,wLASmaxLAeq
1) D5545583525
2) A, C5040633535
3) E5048583525
4) B, F, G5042553535

(*) Valori di Rw riferiti a elementi di separazione tra due distinte unità immobiliari.

Nel medesimo decreto, in merito alla rumorosità prodotta dagli impianti tecnologici, si afferma quanto segue: a) 35 dB(A) LASmax con costante di tempo  slow per i servizi a funzionamento discontinuo; b) 25 dB(A) LAeq per i servizi a funzionamento continuo.

CHIEDI INFORMAZIONI GRATUITE per risolvere il problema di isolamento acustico di CASA TUA  direttamente da un nostro esperto.

RISPONDIAMO  sempre entro 24 ore.

 Richiedi informazioni