Articolo diretto agli amministratori di condominio: quando ci sono rumori, come non essere, i capri espiatori, a prescindere…

placeholder

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Lo dice l’amministratore! E’ una minaccia? Bene. E’ un consiglio? Male.

Perchè una minaccia può essere un bene, mentre un consiglio può essere un male, in questo caso? Perchè se è una minaccia significa che chi la prende come tale, da all’autore il potere di renderla tale. L’autore è credibile, è autorevole. 

Se è un consiglio, invece, significa che è una delle tante opinioni…e difficilmente sarà autorevole.

Già, si fa presto a parlare di autorevolezza, ma quanti amministratori operano, giorno per giorno, per renderla esplicita ai propri condomini?

Infatti non basta operare soltanto come personalità autorevoli (quella è solo metà dell’opera), bisogna essere anche percepiti come tali (ed è qui che i più cascano).

Parto dal presupposto che un amministratore di condominio che ben lavora, infatti, butti ogni giorno i semi per far crescere la sua autorevolezza.

Oltre ai semi, serve poi il terreno e l’acqua, che noi chiameremo marketing. Il marketing sono il terreno e l’acqua sui cui potranno germogliare i semi di un lavoro ben fatto, espresso con autorevolezza e, alla fine, dare i frutti sperati.

Puoi essere il miglior amministratore del mondo, ma se nessuno lo sa, capisci che c’è un problema.

D’altro canto, puoi essere anche bravissimo a raccontarla, ma se sei un pessimo professionista, presto o tardi la cosa ti si rivolterà contro.

La differenza tra due bravi amministratori è nel farsi percepire come “bravi” e non esiste essere percepito come “bravo” se non sei autorevole, cioè se non esiste un qualcosa per la quale tutti ti riconoscono, a prescindere.

Se ci si pensa bene, l’autorevolezza, è alla base di ogni brand di successo. Se si rompe un’auto Dacia, la risposta è: eh…è una Dacia, cosa ti aspetti. 

Se si rompe una Mercedes (lo stesso danno) la risposta è: strano! Sicuramente, c’è stato qualcosa di inaspettato…ma non dici eh è una mercedes….

In estrema sintesi potremmo dire che il miglior vantaggio di essere percepiti come autorevoli è questo: se sbagli come un amministratore qualunque (o comunque qualcosa va storto) la colpa è sempre dell’amministratore, ca va san dir...Se invece, sei un amministratore autorevole è molto più difficile che la colpa sia imputata a te, a prescindere. 

Essere un amministratore autorevole significa dare anche messaggi congruenti: non puoi attorniarti di collaboratori “scappati di casa” quando deleghi la risoluzione di un problema.

Il problema dei rumori tra condomini è uno di questi. E’ un problema grave che può sfociare in liti anche molto gravi e che di certo tira in ballo sempre l’amministratore. A chi lo fai risolvere? Chi proponi al tuo inquilino vessato?  Il tuo cartongessist-murator-falegnam-imbianchin-nonceproblema oppure un’azienda specializzata che si occupa solo di questo da anni? 

L’amministratore qualunque, sceglie la prima soluzione. Gli è più facile perchè tizio tutto fare lo conosce da anni, gli ha risolto tanti problemi e magari gli risolverà anche questo. L’amministratore autorevole, invece,  sa che con i rumori non si scherza è che è un attimo prendere cantonate e dopo i lavori, lasciare dei condomini più arrabbiati che in partenza e per questo preferisce non far improvvisare soluzioni a chi di acustica non ha mai sentito parlare.

E, a proposito di autorevolezza nel mondo dell’insonorizzazione ti suggerisco questo libro

https://www.amazon.it/Insonorizzare-casa-casino-Paolo-Marchetto/dp/8827864237

Leggi altri articoli

Torna su
Insonorizzare casa

Scopri il nostro libro

Insonorizzare casa è un gran casino!

Silenzio casa

Benessere Acustico S.r.l.
Via A. Volta, 2 – 20093 Cologno Monzese (MI)
Iscrizione al Registro Imprese di Milano al n. 1793950
CF e Part. IVA 05064590960
Capitale Sociale: 10.000 € I.V.
benessereacustico@pec.it