Isolamento acustico della parete non serve a niente! Se non sai come farlo

cerotto

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Scopri gli errori che devi evitare prima di eseguire l’isolamento acustico della parete evitando un inutile spreco di  soldi e di spazio.

cerotto

Proprio così, oggi ti voglio spiegare cosa devi conoscere prima di avventurarti a richiedere un isolamento acustico della parete che non solo ti ruberebbe spazio e soldi ma che alla fine non ti darebbe alcun risultato apprezzabile, tramutando il tuo disagio di oggi in frustrazione e rabbia domani.

Come saprai, prima di qualsiasi intervento noi di SilenzioCasa eseguiamo sempre un sopralluogo tecnico (rigorosamente gratuito) a casa delle persone che richiedono una nostra valutazione.

Il signor Vestini di Roma e la moglie erano disturbati nella loro villetta a schiera dalla vicina che abitava a fianco e questo, in particolare, nella loro camera da letto.
Come avviene solitamente, ci contattano, per avere un sopralluogo a casa loro e per valutare l’intervento dell’isolamento acustico della parete.

Come è andata ?

Per la struttura della casa e per la tipologia dei rumori,  ci rendiamo presto conto che l’isolamento acustico della parete non avrebbe risolto nessuno dei loro problemi. In quel caso era come se insonorizzare una parete corrispondesse a mettere un cerotto in un punto, quando hai una ferita che sanguina da altri 4 punti, con lo svantaggio che il tuo orecchio alla fine, non è in grado di percepire neppure questa differenza (data l’estrema sensibilità dell’apparato uditivo umano).

Infatti, i rumori si propagavano benissimo su tutte le 4 pareti della stanza e anche sul pavimento! Abbiamo evidenziato loro il problema e gli abbiamo insegnato anche un metodo su come fare a verificare loro stessi se quanto dicevamo era corretto oppure no.

Già il giorno dopo ci contattano (tempo che la vicina facesse un po di casino) e capiscono perfettamente le cose come stanno: il rumore passava benissimo su tutte le 4 pareti e anche sul pavimento.

In questo caso specifico, pertanto, il cliente ha deciso di rimandare l’esecuzione dellisolamento acustico della parete, a tempi migliori per il suo budget (non ha voluto accedere al finanziamento che pur offriamo a tassi particolarmente vantaggiosi).

Il risultato è che è vero che è rimasto con il suo problema, ma almeno non ha buttato via i soldi per fare un isolamento acustico della parete che a nulla gli avrebbe valso.

La domanda che ti devi porre a questo punto è: ma perché lo avete fatto? Perché non avete isolato acusticamente la parete come vi aveva chiesto il cliente?
La risposta è semplice. No non è perché siamo buoni, altruisti sinceri ecc.. quello lo lasciamo dire ad altri, semmai.

La risposta, semplicemente, è che ci conveniva di più. La nostra, come ogni altra azienda, vive di profitti (+ ricavi – costi).

Se avessimo eseguito il lavoro, questo certamente non avrebbe risolto il problema con la piccola conseguenza nel nostro caso che il cliente avrebbe attivato la sua Garanzia “Soddisfatto o Rimborsato” e, purtroppo per noi, saremmo stati nel caso “rimborsato”.

Quindi è vero che non vendendo non abbiamo aumentato i ricavi, ma di certo abbiamo diminuito i costi futuri dovuti al dover rimborsare quel cliente.

Adesso però la domanda che ti faccio io è questa: cosa sarebbe capitato a quella stessa persona se invece di noi di SilenzioCasa avesse chiamato QUALUNQUE altra azienda ? La risposta la conosci già.

Dato che NESSUNO garantisce nulla (a parte noi), gli avrebbero semplicemente dato quello che lui chiedeva: una parete.

Devi infatti sapere che…

…noi di SilenzioCasa non vendiamo pareti acustiche! e nemmeno soffitti o pavimenti..

E adesso capisci perché noi di SilenzioCasa non vendiamo pareti acustiche ! Noi vendiamo il silenzio in casa tua (se è possibile ottenerlo).
Sembra una differenza da poco ma è la vera differenza tra chi ti vuole vendere un prodotto, un manufatto e chi, come noi ti vuole risolvere un problema.

Le altre aziende ti spiegano per filo e per segno come sono gli isolamenti acustici che ti realizzeranno. Ti spiegano che loro sono laureati in fisica e in acustica. Ti spiegano che hanno il gingillo flottante che risolverà tutti i tuoi problemi acustici e che da li in avanti la vita ti sorriderà. Ti spiegano tutto.

Ma la verità e che c’è solo una domanda che conta davvero

Peccato per te che l’unica cosa che non ti spiegano è la risposta alla sola domanda che conta davvero: vabbè io vi do la mia fiducia e, soprattutto, i miei soldini; ma se alla fine  io il problema non lo risolvo? … che succede? Mi ridate i soldi? 

Ti risponderanno nell’unico modo che sanno fare: amico mio ci hai chiesto una parete acustica, ed noi te l’abbiamo realizzata (vabbe per questa volta tralasciamo il come è stata fatta). Ti abbiamo anche spiegato esattamente come l’avremmo fatta (3 strati di lana di roccia, 2 strati di cartongesso, gomma piombo, gingilli flottanti, alabarde spaziali, magli perforanti ecc). E noi così l’abbiamo fatta. Mò… che vuoi da noi ? Il rimborso? (ahahahaha, che tenero!). Puoi forse dimostrare che ti abbiamo fatto qualcosa di diverso da quello che ti avevamo preventivato? No? E allora il rimborso non è previsto. Amen.

Ora devi capire che io non ce l’ho con le aziende. Loro a mio avviso fanno un lavoro entro certi limiti onesto. Ti propongono un manufatto che tu scambi, erroneamente, per la soluzione.

Non è colpa tua

E’ facile confondersi ed essere facilmente traviati quando ci si avventura in un campo di cui prima del sorgere del problema non si sapeva nulla. Non è colpa tua se hai effettuato in passato errori di valutazione in questo senso, oppure stavi per compierli ora. Non avevi e non potevi avere  gli strumenti per poter capire.

Ora, con questo articolo, spero di averti aiutato dandoti degli elementi incontrovertibili per fare serenamente le tue valutazioni e decidere con piena consapevolezza se vuoi acquistare un manufatto, cioè una parete, un soffitto o un pavimento oppure se quello a cui miri davvero è la soluzione cioè ottenere il silenzio a casa tua.

Il rischio del risultato dell’isolamento acustico è tutto sulle nostre spalle

Dal momento che ti rivolgerai a noi, invece dovrai sperare solo una cosa: che il nostro tecnico, valutando il tuo caso specifico, decida di rischiare e dire “SI, si può fare”.

Il rischio, infatti, è nostro perché quando decidi di affidarci un lavoro e firmi un contratto con noi, se ancora non ti è chiaro, il rischio è tutto sulle nostre spalle.

Perciò, se vorrai dormire sonni tranquilli ed avere risposta positiva all’unica domanda vera che conta:” E se non risolvo? Non c’è problema non ci ho rimesso nulla perché mi ridanno i soldi,” allora adesso sai chi chiamare, per risolvere il tuo problema di insonorizzare le pareti di casa ti basta pigiare il bottone qui sotto.

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Come insonorizzare il soffitto

SonorTop: il nuovo rivoluzionario materiale nell’isolamento acustico

Come isolare acusticamente una stanza

Leggi altri articoli

Torna su
Insonorizzare casa

Scopri il nostro libro

Insonorizzare casa è un gran casino!

Silenzio casa

Benessere Acustico S.r.l.
Via A. Volta, 2 – 20093 Cologno Monzese (MI)
Iscrizione al Registro Imprese di Milano al n. 1793950
CF e Part. IVA 05064590960
Capitale Sociale: 10.000 € I.V.
benessereacustico@pec.it